Cookie Policy Pro-Ossigeno - baccarato.org

Pro-Ossigeno

(Asbac, 22.11.2021) – Il futuro sarà green (verde). In questa prospettiva, anche la Regione Lazio ha aderito alla Giornata nazionale degli alberi che cade il 21 novembre ed è costellata di eventi che punteggiano i giorni precedenti e successivi. Tante piantumazioni si sono susseguite all’interno del progetto Ossigeno, «il programma regionale per la messa a dimora di nuovi alberi, uno per ogni abitante del Lazio», un modo per contrastare i cambiamenti climatici, «indotti anche dall’aumento della CO2 nell’atmosfera», come dichiarato, in una recente nota, dal Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti. Inutile seguire l’esempio dello struzzo, nascondere la testa sotto la sabbia e fare finta di non essere consapevoli dei rischi dell’inquinamento. L’effetto-serra e «le città diventate vere e proprie fabbriche di C02» sono problemi da affrontare: in tal senso, le piante-produttrici di ossigeno costituiscono un bilanciamento prezioso. Si tratta di benefici gratuiti che compensano le emissioni tossiche. Sono 84 i Comuni del Lazio che hanno aderito alla manifestazione di interesse per ottenere le piante con il progetto Ossigeno e più di 20 hanno deciso di prendere parte alle celebrazioni: Fonte Nuova, Guidonia, Marano, Equo, Tivoli, Velletri, Segni, Ceccano, Vallerotonda, Alatri, Posta Fibreno, Acuto, Aprilia, Roccagorga, Fondi, Sonnino, Rocca Sinibalda, Collalto Sabino, Collegiove, Borgorose, Marta, Vasanello, Acquapendente, Priverno. Per la Giornata dell’albero 2021 si stimano 6.000 varietà piantate: l’acero campestre, il viburno, il cerro, il leccio, la sanguinella, il corbezzolo, la lavanda, la pyracantha o agazzino, l’olivo, la farnia, l’albero di giuda o siliquastro (arbusto, originario del Mediterraneo orientale e dell’Asia Minore).