Cookie Policy La radice del Fondo di Solidarietà - baccarato.org

La radice del Fondo di Solidarietà

È la ribellione al pizzo, da denunciare, alla base del Fondo per le vittime delle richieste estorsive (decreto-legge 419/1991, convertito con modificazioni dalla legge 172/1992) che rappresenta la prima radice dei successivi ampliamenti evolutivi del Fondo di Solidarietà. Come in una struttura circolare, in cui il futuro si fonda sul ceppo del passato, è importante ricordare la Prefazione di Giovanni Falcone al Libro Bianco di Confesercenti, Estorti e riciclati (15 settembre 1991), che indicava la creazione di un Fondo per «incoraggiare la denuncia» delle richieste estorsive. Per approfondimenti si rinvia alla pubblicazione Il Fondo di Solidarietà per le vittime di estorsione e usura: uno studio (Milano 2021, pp. 78) del Centro Baffi-Carefin dell’Università Commerciale Luigi Bocconi.
L’attuale legislazione in materia Antiusura e Antiracket (costituita dalla legge 108/1996 e dalla legge 44/1999) regola il Fondo di Solidarietà per le vittime di estorsioni e usura, seguito dal Fondo di Rotazione per le vittime dei reati di tipo mafioso (in base alla legge 512/1999). I due Fondi, successivamente unificati (dal punto di vista gestionale attraverso Consap) nel Fondo di Rotazione per la Solidarietà alle vittime dei reati di tipo mafioso, richieste estorsive e usura, reati intenzionali violenti nonché per gli orfani di crimini domestici (in base all’ultima modifica avvenuta con legge 4/2018) restano affidati a due distinti Comitati e diretti da due distinti Commissari. |(Data di pubblicazione: 30.09.2021)|  

Approfondimenti

Studio della Bocconi sul Fondo di Solidarietà (Ministero dell’Interno, 21 luglio 2021)

https://www.interno.gov.it/it/notizie/antiracket-e-antiusura-studio-bocconi-sul-fondo-solidarieta

֎

Estorsione e usura: Comitato di solidarietà (Glossario)

https://www.baccarato.org/2020/07/24/estorsione-e-usura-comitato-di-solidarieta/