L’antiusura in sette cifre chiave

 

(Asbac, 9.10.2019) – Sette cifre chiave per una sintesi della dinamica del Fondo per la prevenzione dell’usura nel 2018. In una delle tabelle (figura 2.21, p. 36) elaborate dal Rapporto sulla gestione del Fondo per la prevenzione del fenomeno dell’usura spicca un riquadro blu per annotare la somma totale assegnata dal Ministero dell’Economia e delle Finanze nel 2018 a Confidi, Associazioni e Fondazioni: 19,8 milioni di euro. In un’altra tonalità di blu si evidenzia il totale erogato dagli Enti pari a 67,7 milioni di euro, fino al tasso di operatività del 268% raggiunto dagli Enti complessivamente considerati (con riferimento al rapporto tra erogato nel 2018/ricevuto nel 2017).

Di particolare interesse il riquadro che snocciola altre cifre significative, con riferimento ai finanziamenti minimi-massimi da 1.000 a 600.000 euro (da parte dei Confidi alle imprese) e da 1.500 a 120.000 euro (da parte delle Associazioni e Fondazioni a persone e famiglie), fino ai finanziamenti medi pari a 47.000 euro nei Confidi (per le imprese) e a 23.000 euro nelle Associazioni e Fondazioni (per le persone e le famiglie).

La parte bassa della tabella fa riflettere delle mancate restituzioni di somme assestate al 20% (valore medio per persone e imprese). Si tratta di un valore che scende molto se riferito alle persone (12-13%) e che invece per le imprese resta purtroppo ancora rilevante (22,82 % nel 2017).

A proposito di imprese, emerge l’indicatore che rende visibile il 30% di credit crunch (stretta creditizia) nei Confidi (p. 36). Il Rapporto sottolinea che il rifiuto nella concessione del credito alle imprese, oltre che dall’irrigidimento dei parametri del merito creditizio, può dipendere dal «calo del flusso di finanziamento ai settori produttivi» (p. 26). È importante considerare che la cifra tendenziale riportata con riferimento alla stretta creditizia nei Confidi emerge attraverso il «divario tra il numero e l’importo delle pratiche deliberate dai Confidi rispetto a quello che viene effettivamente erogato dalla banca a beneficio dell’utilizzatore finale» (p. 26). Sono il Centro e il Sud della penisola a essere più colpiti dalla disparità tra finanziamento deliberato ed erogato nei Confidi rispetto al Nord meno investito dal fenomeno del credit crunch.  

Articolo correlato

Il primo Rapporto del Fondo per la prevenzione dell’usura (Asbac, 8.10.2019)                                                      

https://www.baccarato.org/2019/10/08/il-primo-rapporto-del-fondo-per-la-prevenzione-del-fenomeno-dellusura/

Fonte

Fondo per la prevenzione dell’usura. Rapporto sulla gestione. Aggiornato al 2018, a cura della dr.ssa Lavinia Monti, Dirigente dell’Ufficio III della Direzione V del Dipartimento del Tesoro del MEF e si basa sui dati raccolti dall’Ufficio attraverso l’applicativo GFA – Gestione Fondo Antiusura | Presentato il primo rapporto sul Fondo per la prevenzione dell’usura (MEF, 4 ottobre 2019):

 http://www.mef.gov.it/ufficio-stampa/comunicati/2019/comunicato_0174.html